Come  potenziare il volume della voce nel public speaking.

 

Hai presente quegli speaker che parlano senza mai inserire nel loro eloquio un punto, una virgola o un punto e virgola? E hai presente quelli che parlano sempre con lo stesso tono e lo stesso volume? E quelli che parlano con la voce che trema? Ecco questi sono tutti esempi di come NON usare la voce quando parli in pubblico, sia dal vivo sia davanti alla telecamera. A parte far venire inevitabilmente il mal di testa a chi ti ascolta, usando male la voce togli pathos al tuo discorso.

Prova un attimo a riflettere: quanti tipi di voce usi in una tua giornata tipo? Una al mattino quando abbracci la tua partner per dirle “Buongiorno, amore”, una quando, in ufficio, sei al telefono con il tuo cliente preferito, un’altra quando sei al telefono con il cliente dei tuoi incubi, un’altra quando vai a pranzo in un locale super affollato e chiami il cameriere e un’altra ancora quando, la sera, ceni in un bel locale romantico e silenzioso con la tua compagna.

La voce nel public speaking
Abbi cura della tua voce perché è il mezzo più importante che hai a disposizione per connetterti col tuo pubblico e trasmettere il tuo messaggio.

La mia domanda allora è: dove finiscono tutti questi tipi di voce quando parli in pubblico?!

Una voce autentica è una voce naturale, non forzata, varia e ben modulata. Quando prepari il discorso e ti alleni nel ripeterlo, individua momenti in cui alzare la voce, senza farla diventare acuta e momenti in cui abbassarla, senza farla diventare impercettibile.

Il tuo obiettivo come speaker deve quindi essere quello di sviluppare una voce che:

  • trasmetta un piacevole senso di calore
  • rifletta la tua personalità
  • non sia mai monotona, ma sempre espressiva e coinvolgente
  • sia ben udibile, grazie a un volume adeguato e a una chiara articolazione.

E’ questo il tipo di voce che ti permette di mantenere viva l’attenzione del pubblico fino alla fine del tuo discorso.

Ci sono diversi esercizi che puoi fare per migliorare la qualità della tua voce:

  • esercizi di respirazione per migliorare il volume
  • esercizi per rilassare la voce
  • esercizi di intonazione
  • esercizi di proiezione
  • esercizi per l’articolazione.

Oggi vediamo nel dettaglio i primi: gli esercizi di respirazione per migliorare il volume.

10 esercizi di respirazione per migliorare il volume della tua voce

Come respiri? A meno che tu non abbia preso lezioni di voce o sei un atleta, è molto probabile che la tua voce sia poco profonda e non guidata da te. Una corretta respirazione è alla base di una buona voce. Qui di seguito ti spiego dieci esercizi che ti aiuteranno a migliorare la respirazione e di conseguenza il volume della tua voce:

  1. Espelli tutta l’aria che hai nei polmoni. Continua a espellerla anche se pensi di averla già espulsa tutta. Quando non ci sarà più aria nei tuoi polmoni, inalerai automaticamente nuova aria. Osserva come l’aria entra nei tuoi polmoni, profondamente. Ripeti il processo frequentemente, ogni volta non per più di tre o quattro volte.
  2. Espelli l’aria dai polmoni. Respira un po’ d’aria e trattieni il respiro per 15 secondi, poi espelli l’aria. Ripeti questo processo frequentemente per diversi giorni. Poi aumenta il tempo in cui trattieni il respiro a 20 secondi, poi a 30 e poi a 45. Probabilmente arriverai anche a trattenere il respiro per un minuto. Questo esercizio ti aiuterà a controllare il tuo respiro, potenziando il tuo diaframma e i muscoli a esso correlati.
  3. Stai in posizione eretta, apri la bocca e inala cinque piccole e veloci boccate d’aria. Ti accorgerai di non poter inalare aria senza usare il diaframma. Espelli l’aria in cinque piccoli sussulti. Successivamente prova a fare lo stesso procedimento con il naso, tenendo la bocca chiusa.
  4. Ridi di cuore con un grande Ha Ha Ha. Espelli tutta l’aria e inspira profondamente e velocemente.
  5. Chiudi le labbra e ridi silenziosamente attraverso il naso. Ridendo attraverso il naso, anziché con la bocca, controllerai di più il tuo respiro.
  6. Sdraiati a pancia in su e appoggia un libro sul tuo diaframma. Prova a rilassare ogni parte del tuo corpo, poi concentrati sul movimento del diaframma. Quando inspiri, il libro si alza. Quando espiri, appiattisci il tuo addome più che puoi. Ripeti l’esercizio finché non arrivi a espandere e contrarre automaticamente il diaframma quando respiri.
  7. Stai in piedi. Piegati come se dovessi toccare la punta dei piedi, ma rimani chinato in modo non rigido. Rimani in questa posizione per un minuto, poi alzati e ripeti l’esercizio. Espirerai naturalmente quando ti piegherai.
  8. Stai in piedi, metti le mani sulle anche, metti la testa indietro, guarda il soffitto e sbadiglia. Inspira. Poi espirando, produci il suono ah, emettendolo finché hai fiato.
  9. Stai in piedi e fai un respiro profondo. Quando espiri, conta a voce alta da uno a cinque su ciascun respiro. Ripeti l’esercizio, contando da 1 a 10. Non ti sforzare.
  10. Leggi a voce alta che contiene un mix di frasi brevi e lunghe. Leggi ciascuna frase su un singolo respiro, possibilmente inspirando prima di parlare. Tieni sotto controllo l’espirazione quando leggi.

Abbi cura della tua voce perché è il mezzo più importante che hai a disposizione per connetterti col tuo pubblico e trasmettere il tuo messaggio!

Se questo articolo di è piaciuto, condividilo e seguimi sulla mia pagina Facebook.

Contattami per ricevere informazioni sui miei servizi di coaching e formazione sul public speaking e per prenotare una prima consulenza gratuita!